In evidenza

Mi presento

Mi chiamo Angelica,ho 32 anni e sono una linfomane.

Ovvero..sono affetta da Linfoma di Hodgkin.
Questo blog vuole essere un racconto della mia vita,un diario,settimanario,mensilario..insomma,uno sfogo,un modo di raccontare la mia vita nonostante il..”tumore”. Già,è così che si chiama.È una parola che fa paura pronunciarla,figuriamoci viverla..fino a poco tempo fa le parole ‘tumore’ o ‘chemioterapia’ erano lontane dal mio mondo. Il mondo di una 32enne impegnata a vivere e a fare progetti x il futuro. E poi,all’improvviso,ma non tanto all’improvviso,sono costretta ad uno stop..
Non so come andrà,ancora sono all’inizio della mia linfavventura,e piano piano racconterò,a chi avrà voglia di leggermi,la mia storia..
In ogni caso,questo vuole essere anche un promemoria,non uno sbeffeggiare linfame..vuole essere un modo per alleviare i pensieri e per provare ad affrontare tutto col ..sorriso.
Annunci

Che fine ho fatto?

Buonasera! Diciamo che sono un po sparita..😅?! 

In effetti quello che ho provato a fare,nonostante le giornate no dovute alla terapia,é stato cercare di condurre una vita il più normale possibile. Complice la primavera,le belle giornate,il sole..ho voluto reagire. E quindi più tempo fuori. 

In più a febbraio é arrivato il mio nipotino,una dolcezza e tenerezza incredibili..tenerlo tra le braccia non mi stancherebbe mai,é così buono e crea dipendenza..lo amo tantissimo! La mia lotta è dedicata anche a lui,e alla voglia di vederlo crescere..💜

L’ultima seduta di terapia si é svolta il 3 Aprile,con non poche difficoltà. Adesso mi aspettano i controlli:pet,tac,ecografie,analisi ecc.. La paura è tanta. Troppa. La paura che linfame sia ancora lì o che si ripresenti..non so come la prenderei.

Adesso ho affrontato tutto con energia e positività,dovuta alle tante testimonianze di persone che con la terapia di prima linea ce l’hanno fatta. Ma se x me così non fosse? Se la battaglia non fosse finita? Non oso pensarci. X il momento..attendo.

Waiting for..

Ciao zia Rosa..

Visto che le mie terapie sono a cadenza quindicinale,fino alla settimana scorsa capitavano sempre di giovedì. A causa del rinvio,da adesso in poi ,ogni 2 settimane,il lunedì sarà il giorno X ( sempre sperando che non ci siano altri rinvii forzati..). Di nuovo il Lunedì tornerà ad essere il giorno più traumatico della settimana x antonomasia..come prima. Quando andavo al lavoro.

A causa della malattia ho dovuto lasciare il lavoro..benché non lo considerassi proprio “lavoro“,venivo comunque pagata e,comunque,avevo un orario da rispettare . Lo facevo con piacere ,e la persona per cui lavoravo se lo meritava…già,meritava. Parlo al passato.

Il mio lavoro, negli ultimi 3 anni,consisteva nel fare compagnia ad una arzilla vecchietta di 90 anni (compiuti 2 settimane fa). Iniziai quando ne aveva 87. Il mio compito era stare attenta che non combinasse guai e non si facesse male,visto che ,nonostante la sua età, era iperattiva,col pollice verde e maniaca della pulizia. Innamorata del suo giardino , delle sue piante e della sua casa, molto credente e devota. Piccolina di statura e magrolina,aveva una forza e una tenacia da fare invidia a molti giovincelli. Quando si metteva in testa di fare qualcosa,scansatevi tutti e muti! Nonostante la sua forza di volontà,era pur sempre una persona anziana con i suoi acciacchi,problemi di equilibrio,riflessi rallentati e dolori vari. E,viste le precedenti cadute ,fratture e interventi vari,tutto superato alla grande x fortuna,i figli non si volevano lasciarla sola. X questo c’ero io.

La zia Rosa..lei era la prozia del mio fidanzato,e mi considerava come sua nipote diretta,anche se in realtà non sono sposata. E io consideravo lei come una zia,dolce e affettuosa,ironica e disponibile in tutto. Aveva una battuta sempre pronta,e una storia da raccontare x ogni situazione. L’udito non funzionava benissimo,ma la vista era di falco.. Ha vissuto la seconda guerra mondiale e mi raccontava frammenti di quel vissuto con estrema lucidità. Così come di tutti gli avvenimenti che,nel bene e nel male,hanno segnato la sua vita. Dimenticava di avermi già raccontato qualcosa e mi ripeteva le stesse storie a ripetizione,ma a me faceva piacere ascoltarla e chiacchierare. Ci facevamo certe risate..

Quando ho dovuto lasciare il lavoro a causa della malattia,perché non riuscivo a stare in piedi x il forte mal di schiena,il prurito che mi mangiava l’anima e la pelle,la stanchezza,la febbre quotidiana..quando avevo bisogno io di qualcuno che si prendesse cura di me..lei non si dava pace. Mi telefonava un giorno si e uno no. Non le avevano voluto dire inizialmente che avessi un tumore,per non farla preoccupare ulteriormente,visto che soffriva anche di cuore. E perciò ogni volta che mi chiamava mi chiedeva quando sarei tornata..finché alla fine gliel’hanno dovuto dire,per giustificare comunque la mia assenza. Lei ha continuato a chiamarmi. Sempre. Ogni settimana,più volte. Per sapere come stavo. Per augurarmi ogni bene. Per salutarmi. Per sentirmi. L’unica che lo faceva. Tutti gli altri,beh,questo è un capitolo a parte.. ma lei mi pensava sempre. Le hanno dovuto prendere una sostituta,in attesa che mi sarei ripresa,e quando sono andata a trovarla poco più di un mese fa mi ha abbracciata,come faceva spesso,e mi ha sussurrato: “mi manchi tanto,a zia..lei non è come te..si,è brava..ma tu sei tutta un’altra cosa. Non ci sono paragoni..“. Parole che mi sono state confermate da chi le stava vicino..persone splendide loro..

La zia Rosa..lei così bassina che quando mi abbracciava le sue braccia avvolgevano il mio bacino.. 🙂 Le volevo un gran bene,e lei ne voleva a me..

La zia Rosa non c’è più. Lunedì ha lasciato questa vita,in silenzio,senza dare fastidio. Perché a lei non piaceva dare fastidio. In un mesetto,lentamente,ha iniziato a dare segnali che qualcosa non andava. Si trovava fuori città ,dalla figlia femmina,come faceva ogni natale x un mesetto. Sarebbe dovuta tornare lunedì,ma non ha fatto in tempo perché lunedì mattina ha chiuso gli occhi per sempre. Mi ha telefonata anche da lì,qualche giorno prima,nonostante i suoi ultimi malesseri,dicendomi che non stava bene,ma nonostante tutto una voce sempre allegra e gioiosa. Mai avrei immaginato che quella sarebbe stata l’ultima volta che l’avrei sentita..

Mi hai insegnato tanto..ciao zia Rosa,non ti dimenticheró mai. ♡ 

Settima chemio? Waiting for..

Giovedì 19.

Ma che vogliamo farci,quando le cose vanno al contrario di come dovrebbero? 

Come raccomandato dalla doctor,martedì e mercoledì faccio le mie punturine spaccaossa,me ne sto chiusa a casa per evitare di ammalarmi o contrarre un qualsiasi virus/batterio/infezione ecc.. Ma che vogliamo farci..? Mercoledì sera,prima di andare a letto,brividi di febbre. E infatti 37,3. Una nottata senza chiudere occhio. Sveglia dall’1 e alle 5:30 mi sarei dovuta alzare..mal di testa martellante,dolori alle braccia così forti da non riuscire a tenere nemmeno un biscotto in mano..

Nonostante tutto,raccolgo le poche forze che ho e ci mettiamo in viaggio x Catania. Tanto me lo sentivo..sentivo la febbre che saliva,mal di testa idem,le forze che se ne andavano. Ma volevo che me lo dicessero loro,che mi controllassero e visitassero.

38,3 dice l’infermiere ,quello simpatico e che ha sempre la battuta pronta. Ma questa non è mica una battuta..Con la febbre niente chemioterapia. La dottoressa mi raccomanda di tornare a casa,mangiare,tachipirina e a letto. Io non vedevo l’ora.. In più antibiotico perché forse la febbre era subentrata a causa di una infezione alla gengiva. Mi ha “rimandata” a lunedì,assicurandomi che spostare la terapia di qualche giorno non fa niente..eppure,anche se so che questa maledetta mi farà star male,non avrei voluto rimandarla. Io non vedo l’ora di finirla,con sto strazio. Potevo dire -5 ,ma lo dirò domani. Domani devo dirlo x forza. Anche se fuori c’è la bufera,e il meteo non promette nulla di buono x le prossime ore.

Non posso rimandare più.A costo che andiamo a nuoto!

Visita pre-terapia n.3

Stamattina altro giro in ospedale . Dopo ogni ciclo c’è una visita di controllo per verificare lo stato generale del paziente,emocromo ecc.. Questa volta ,rispetto alle altre volte in cui l’attesa è stata veramente snervante,abbiamo fatto presto presto..! ^_^ giusto l’attesa dell’emocromo. Attesa che avviene nell’apposita saletta,nella quale vi sono 100 individui che tossiscono,starnutiscono e quant’altro.. il tutto senza mettere le mani davanti. Continuo a non capire come si possa essere così negligenti e irrispettosi nei confronti del prossimo,fregandosene altamente.

Comunque la chiacchierata con la dottoressa è stata molto positiva! A parte i miei neutrofili che sono colati a picco,suicidati,dispersi.. Morale della favola : 2 punture di filgastrim spaccaossa domani e mercoledì e,se necessario,una terza puntura venerdì,giorno dopo la chemio. Nel frattempo,mascherina assolutamente si,e quanto più isolata possibile. Mi ha cambiato l’antiemetico con un nuovo farmaco arrivato da poco..sperando faccia effetto,questa volta..

Il dentista al momento me lo posso scordare perché significherebbe infezione sicura,e quindi…. pazienza! Tanto i disturbi che ho sono tutta una conseguenza della chemio,perciò attendere prego..

La dottoressa,inoltre,era molto felice x il risultato della mia pet,già pulita e in assenza di malattia dopo soli 2 cicli! Mi ha confidato che,tra tutti i ragazzi che siamo in cura lì a combattere con mister hodgkin,io sono l’unica ad aver portato una pet così ” leggera ” ,in tutti i sensi. Loro si accorgono dal peso della cartella,quando c’è qualcosa che non va : + fogli significano + punti fotografati corrispondenti a zone colpite dalla malattia. La mia aveva solo il foglio del referto,e un referto con assenza di malattia..quindi bene così! E mi auguro che sia sempre così.. molto sicuramente mi eviterò anche la pet alla fine del quarto ciclo,facendo direttamente quella finale..

Adesso non mi resta che continuare a combattere x dimostrare al Linfame chi è che comanda. Mi si dice spesso che in questi casi l’atteggiamento positivo fa tanto..ebbene,io ora mi sento combattiva,anche se non vedo l’ora che tutto questo strazio finisca..perché si,al solo pensiero che ancora x 6 volte nelle mie vene scorrerà veleno ,con tutte le sue nauseanti e martorianti conseguenze,mi sento male. Il solo mettere piede lì dentro ,sentire quegli odori,respirare quell’aria..mi mette in subbuglio non poco. Era difficile da immaginare prima,quando sentivo altri parlare di queste stesse sensazioni. Eppure avevano ragione.

Ma sono a metà. Spero di riprendermi,di farlo presto..ho tanto da fare che mi aspetta! Un’uragano da mettere in moto.. 😉

Agenda 2017

Da qualche mese a questa parte,x forza di cose,ho la necessità di scrivere. Non solo della mia malattia,ma di appuntarmi tutti gli impegni ospedalieri : medicine,visite,controlli,appuntamenti,sintomi..già,mi appunto giornalmente tutti i sintomi. Perché ogni giorno è diverso dal primo.

E così,dopo averla adocchiata da un bel po’,finalmente ho acquistato la mia Agenda 2017 !

Me ne sono subito innamorata! Dentro è coloratissima,con tante frasi,sezioni apposite,adesivini colorati..bellissima!♡♡♡  L’ho acquistata dal sito MrWonderfulshop ,che oltre alle agende,ha tantissimi articoli di cartoleria colorati e buffi,tazze,oggetti x ufficio,coperte,quadretti e tanto altro..

Finora mi sono privata e limitata in tante cose,ma ora è arrivato il momento di pensare un po’ a me stessa,concedendomi ogni tanto un capriccio. Mi basta passare quello che sto passando,e una coccola ogni tanto male non fa.. 😉

Considerazioni post festività..

Che dire..anche queste feste natalizie sono ormai passate. È il momento di smontare l’albero e tutte le decorazioni,e riporle negli scatoloni..in attesa di essere tirate fuori tra 10/11 mesi circa.. Ma una cosa penso sia comune un po’ alla maggior parte di noi..e cioè..

Nel mio caso (un caso a parte quest’anno) non è stato proprio così in quanto mi sono vietati al momento diversi cibi,altri meglio non rischiare,poi si ci mettevano nausea e mal di pancia che bella mia statti seduta sul divano che è meglio!

E perciò,anche se il risultato è molto simil Snoopie qua sopra,il motivo è dovuto al caro cortisone,che mi sta facendo lievitare il viso tipo palloncino..maledetto!

Capodanno idem,niente strapazzi. Anche perché tra le due abbuffate di fine anno sono stata 4 giorni a letto x le conseguenze della chemio:debolezza infinita,stomatite,mal di pancia,cuore ballerino..E non ho avuto nemmeno il tempo di riprendermi 2-3 giorni che di nuovo ospedale,di nuovo veleni nelle vene,di nuovo malessere. Questa volta peggio di tutte le altre volte..penso che il corpo inizi a risentirne delle cure..ma se questo servirà a guarire…stringo i denti e vado avanti. Sono arrivata esattamente a metà percorso. Altri 3 cicli,altre 6 chemioterapie..e poi,poi si vedrà..nel frattempo,è guerra aperta!

Happy Holidays

Questo natale sarà un natale un po’ diverso..l’anno prima stai bene,in salute..l’anno dopo hai un cancro. E l’anno prossimo che ne sarà di me? 

È una domanda che sorge spontanea,anche se non vuoi. Quel che sarà non lo so,ma so che ora posso passare le feste un po’ più serena : ieri,durante la mia quinta seduta di chemioterapia,i miei hanno ritirato il risultato della pet fatta venerdì scorso..ebbene,la notizia positiva è che già dopo soli 2 cicli,del mostro non c’è più traccia! Non volevo crederci..e perciò ho fatto dare un’occhiata veloce alle dottoressa..dicono che si,è buona! È quello che volevano leggere,anche meglio! Da 1 a 5 è 1 per loro! Ero e sono felice,con modestia comunque.. Significa che la terapia di prima linea fa effetto..! Naturalmente devo comunque completare i 6 cicli,e sperare che Linfame non si nasconda o vada via e ritorni..insomma,devo continuare a sperare. Mai sottovalutare il nemico..non è il momento di festeggiare..ma magari affrontare le prossime terapie con maggiore fiducia e un pizzico di serenità..nonostante i malesseri vari.

Quindi si,natale con leggero sollievo..!

Buone feste a voi..x chi crede in questa festività. A chi non crede,allora buon fine settimana !

“Come ho scoperto Linfame che era in me” parte 9

Biopsia osteomidollare

Arriva anche il giorno della tanto temuta BOM,ovvero biopsia osteomidollare.. in realtà è arrivato un po’ a sorpresa..sapevo che di sicuro avrei dovuto subire questa ennesima tortura,ma non me l’aspettavo quel giorno. Prima,4 ore di attesa x una spirometria della durata di 10 minuti…poi un’altra oretta di attesa x parlare con la dottoressa. Entriamo e lei,molto simpaticamente,mi dice : “Angelica,dobbiamo fare la bom. Adesso.” E io,in allarme rosso :”Come adesso!!?” Lei mi dice che se volevo potevo farla il lunedì successivo,ma in ogni caso..non me la sarei risparmiata! Eheheh ora ci rido su,ma quel giorno è stato un trauma..io poi,che mi devo far riconoscere ovunque vado….che vergogna..!! Avevo letto su internet in cosa consisteva più o meno questo prelievo , ma non ci avevo capito molto..

Entro in laboratorio. Attendo la dottoressa che arriva assieme ad un’infermiera. Lei mi spiega in maniera dettagliata cosa farà : mi farà stendere a pancia in giù,individuerà il punto preciso sulla cresta iliaca,ovvero poco sopra la natica destra,spruzzerà del ghiaccio secco nella zona per anesterizzarla,mi farà una puntura di anestesia locale,farà un piccolissimo taglietto col bisturi e inserirà una specie di siringa con un ago particolare ,tipo cavatappo,e preleverà un frustolino di osso sacro…dopodiché cerottone e via a casa,antidolorifico al bisogno. Avrei sentito giusto un po’ di fastidio,un tira e molla..lei diceva… mentre preparano l’attrezzatura necessaria,l’infermiera le domanda quale fosse il mio “mostro” e se fossi asintomatica. La dottoressa risponde :”No,lei ce li ha tuuuutti tuuutti i sintomi..non se n’è lasciata scappare uno..” Infermiera :”Ah..”. Perché nel caso del mio tumore,la presenza di sintomi determina una prognosi peggiore da chi,invece,è asintomatico.

Mi sdraio e iniziamo..l’infermiera mi teneva le braccia…e già questo mi avrebbe dovuto far preoccupare. Si inizia col ghiaccio secco,e vabbe,chiappa congelata. Poi,puntura di anestesia e….cacchio qui inizia il dolore lancinante!! Inizio a piangere e a urlare,tutto il lenzuolino di carta bagnato e strappato di lacrime..le 2 poverette non sapevano come tranquillizarmi,e io ancora di più..come una bambina gridavo e piangevo :”Aaaah,ho pauraaaaa..” ..sinceramente,mi ha fatto più male questa cavolo di puntura ,che in teoria era anestesia, che tutto il resto che seguiva dopo! Appena terminata la puntura smetto di piangere,e so che lì sarebbe iniziata la parte critica..sento il bisturi,e quella specie di ago che si fa strada tra la carne e arriva all’osso..così sento questa specie di cavatappi che si intrufola nel mio osso,e gira e gira avvita.. Inizio a cantare ad alta voce :” Aaaa che doloreeeee,nel miooo culoooo!!! Me lo state bucandoooo!! Quando lo finisceee,questooo strazioooo..??!” con il motivetto simile alla canzoncina che fa :”A come Amoreee! B come Brucooo! C come Cavallettaaa! D dai cazzoooo!” ..la cantavano I soliti idioti nel film,e non so perché mi sia venuta in mente proprio questa canzonetta.. :/ La dottoressa e l’infermiera ridevano,perché cantavo veramente ad alta voce,parole a caso,tanto che ero in tensione..! E così,tira e avvita,gira e tira,il pezzettino di osso è fuori! E così la dottoressa mi dice :” Su,dai,abbiamo finito! È finito Sanremo!” E così scoppio a ridere,una risata di quella che allentava tutta la tensione di quei 10 minuti..E lei dice :” Secondo me,hai sbagliato reparto..! Tutto mi è capitato di sentire durante le biopsie. Barzellette,biografie,storielle…ma sentire cantare MAI!

wp-1482084721114.jpeg

Finalmente la tortura è finita. Posso camminare,con una leggera sensazione di pressione nel punto “bucato”..mio padre,che durante la torture era fuori,mi ha detto che si è sentito tutto! E c’erano anche altre persone fuori….che vergogna!

Bene,dopo questa esperienza,l’ultima visita è quella cardiologica,il lunedì successivo. Tutto nella norma. Il cardiologo dice che ho un cuore piccolo,ma in ottime condizioni e ben funzionante. Beh,meglio così. In ultimo,la dottoressa ci accompagna a farci vedere la sala terapie del day hospital. Lì ci sarebbero state le poltrone dove avrei passato i miei giovedì ogni 15 giorni..dove avrei lottato contro il mostro in compagnia di altri guerrieri come me..provai una strana sensazione. “Ci siamo ” pensai..da un lato avevo paura di ciò che mi aspettava. Dall’altro non vedevo l’ora di iniziare..

E ora sono qui..in ballo..nel bel mezzo della lotta. La strada è ancora lunga,ma inizio a vedere dei miglioramenti. Spero di avere delle conferme nei prossimi giorni..

Termina così il racconto sulla pre-diagnosi. Da adesso in poi articoli sul presente. Sulla mia guerra giornaliera e su quello che mi passa x testa. Non solo momento brutti,eh! Perché io non sono solo la “malata”!

Nel frattempo si vive!

Angelica~  wp-1482084777967.jpeg

“Come ho scoperto Linfame che era in me” parte 8

Mi dimettono il Lunedì pomeriggio. Mi obbligano ad accompagnarmi sulla sedia a rotelle,e mi ha fatto una stranissima impressione..anche se ero in grado di camminare,a causa del braccialetto rosso non potevano farmi circolare da sola. Perciò ..ho provato anche questo.

Ci rechiamo dal primario dell’ospedale in cui sono in cura adesso,lo aggiorniamo e lui subito si attiva:mi stampa il foglio per la richiesta di esenzione 048,e immediatamente prenota la pet,che farò una settimana dopo. Nel frattempo fa pressione all’anatomopatologa x i risultati dell’esame istologico.

Attendo il giorno in cui avrei tolto i punti. Andiamo io e il mio fidanzato. Continuavo a stare male e non vedevo l’ora di capire che cos’è che mi stava dannando l’esistenza! Il chirurgo mi riceve quasi subito. Entro ed era al telefono,gli stavano comunicando che il mio esame istologico era pronto,e che subito dopo sarei dovuta salire in sala medici che mi aspettava il medico del reparto in cui sono stata ricoverata. Stavolta ho la conferma. “È un linfoma di hodkgin,come immaginavamo” e mi fa un dolce sorriso.. “le poteva andare peggio,nella sfortuna è stata fortunata.... Beh,insomma,penso io..peggio di un cancro? Forse c’è qualcosa di peggio,sicuramente c’è. Tanti esempi ci sono. Ma ,a 32 anni, avrei preferito continuare ad essere in salute come lo ero fino a poco tempo prima! Però non basta sapere che tipo di linfoma sia. Bisogna fare una stadiazione,x capire l’estensione della malattia,e dove effettivamente si trova. Per fare questo devo sottopormi ad un’altra visita diagnostica per immagini,la pet:tomografia ad emissione di positroni. Iniettano in vena del glucosio radioattivo,che va a depositarsi nelle cellule malate..insomma,in parole povere è così.

Il giorno della mia prima pet non lo dimenticherò mai perché fuori c’era un caldo dell’accidenti,e dentro si gelava! La sala d’attesa per i parenti si chiamava “attesa calda”…ma quale caldo?? C’erano gli eschimesi! Anche nella sala d’attesa “fredda” ,quella riservata a noi radioattivi c’era il gelo..prima di entrare ti dicono di non incrociare gambe e braccia,di bere almeno 3 bicchieri d’acqua e di fare quanta più pipì possibile,e di non parlare.. Nella stanza trovai un ragazzo,lo sguardo turbato e curioso,si guardava intorno e mi guardava di continuo,come se volesse chiedermi qualcosa..finché alla fine non ce la fa più e “scusa,sai quanto dura questa visita?” ..”c’è troppo freddo,io non posso prendere freddo..” dopo un po’ ,dispiaciuta,gli dico che non possiamo parlare,ma che non so perché..me lo feci spiegare, poi. Allora si rassegnó. Incontrai quel ragazzo in sala terapia,alla mia seconda seduta. Anche lui linfoma di hodgkin.

Il mio incubo era lo stesso della tac:dover restare immobile x 20 minuti con il forte prurito..! Lo dissi al tecnico e lui mi disse naturalmente di restare immobile,e se avessi avuto prurito lo dovevo dire ad alta voce,che mi sentivano e ci avrebbero pensato loro..E io mi sono immaginata la scena con loro che entravano a grattarmi ..ahahhahaha! Alla fine tutto andò x il verso giusto..anche qui,il freddo congelava il prurito.

Ritiriamo l’esame,qualche giorno dopo,e ci rechiamo in visita nuovamente dal primario. La pet aveva rilevato tanti piccoli linfonodini colpiti dalla malattia ,sopra e sotto diaframmatica,rendendo così il mio un 3° stadio. In più vi sono tracce di malattia anche nella milza. Adesso conoscevo il nome del mostro : Linfoma di Hodgkin, 3° stadio BS. Nella pet c’era scritto anche qualcosa riguardo al midollo osseo,e in ogni caso,come da protocollo,dal terzo stadio in poi è prevista una biopsia osteomidollare..abbreviato : BOM! La dottoressa a cui verrò affidata programma tutte le visite successive:spirometria,ecocardiogramma e visita cardiologica,e la tanto temuta BOM …..

To be continued ..

Liebster awards

  • Eccomi qui,finalmente ad occuparmi della nomination gentilmente offerta dal frizzante blog di Sara Fabian, Milioni di particelle!

Essendo la mia prima nomination spero di non fare confusione,ehehehe! Le regole sono :

  • Ringraziare il blogger nominatore con tanto di link
  • Pubblicare il logo
  • Nominare altri 5 blog con 200 o meno followers
  • Comunicare la nomina

Il compito di questa nomination è elencare 11 cose a caso riguardanti la nostra persona..
Le mie 11 informazioni su di me sono :

  1. All’età di 19/20 anni volevo fare il soldato. Appena terminate le scuole superiori mi sono subito iscritta ad un concorso pubblico x volontari in ferma breve. Al secondo tentativo,dopo 5 giorni nella caserma di Foligno, fui ritenuta idonea. Vinsi il concorso e fui convocata x i primi 3 mesi di addestramento. Il giorno prima di partire me ne pentii ,perdendo così l’occasione della mia vita. Perché?? Troppo lungo da spiegare!
  2. Ho la tendenza ad ingrassare. Forse perché non mi sono fatta mai problemi sul cibo. Ho recuperato però. X ben 2 volte. La prima,anni fa,persi 16 kg. Poi ,una volta riprese le vecchie cattive abitudini e abbandonato le buone nuove abitudini,li ho recuperati con gli interessi. Tre anni fa la nuova svolta:dieta ferrea e crossfit,ho perso 40 kg in 6 mesi. Fino ad ora riesco più o meno a mantenermi nel mio pesoforma. Anzi,x colpa della malattia ho perso altri 5 kg,andandomene pure in sottopeso.
  3. Non sopporto chi fa rumore con la bocca quando mastica. È più forte di me,mi sale l’istinto omicida! Se posso alzo il volume della tv,o altrimenti con una scusa mi alzo proprio dalla tavola. Ovviamente dipende dalle circostanze. Stesso odio verso il rumore di chi si mangia le unghia con accanimento…
  4. Questo non è il mio primo blog. Anni fa ne aprii uno su libero. Era un blog tutto colorato e tutte le immagini presenti erano create da me con Photoshop. Era un periodo in cui mi ero fissata con la grafica web,ed ero diventata pure brava,sisi..(me lo dico sola,ahahahha) poi ho impallato 2 pc ,e adesso uso un tablet,anch’esso quasi sulla stessa via..qui mi devo arrangiare con delle app,che non hanno nulla a che vedere con Photoshop,ma ci si prova..
  5. Nel 2011 avevo una gran voglia di fare un viaggio e ,non avendo trovato nessuno disponibile,sono partita da sola! 4 giorni a Malta,dal 14 al 17 Agosto. Esperienza fantastica! Non vedo l’ora di tornarci,la prima volta portò bene.. 🙂
  6. Amo giocare a poker,in particolare il texas holdem. E dire che all’inizio non ci capivo un accidenti di nulla. Poi mi sono accanita! Ultimamente ho tralasciato questa mia passione x mancanza di tempo,ma ora che sono più libera qualche torneino online me lo faccio..
  7. Il primo libro che ho letto,l’ho letto a 9 anni. Era “Piccole Donne”, di Louise May Alcott. Me lo regalò mia madre..ricordo ancora quel giorno. Con quel gesto semplice,una madre ha inculcato nel cuore della figlia la passione e l’interesse x la lettura. Invece del solito giocattolo,un libro. Ho riletto quel libro almeno 4 o 5 volte,ed è stato il primo di una lunghissima serie.. 🙂
  8. Adoro cucinare,di tutto..tra dolce e salato,quando sto ai fornelli mi sento quasi una maga : da singoli ingredienti,come per magia,si materializzano cibi deliziosi!
  9. Mio artista e cantautore italiano preferito : Caparezza! Conosco tutte le sue canzoni a memoria,sono stata a 2 suoi concerti e spero di assisterne ad altri ancora! È un genio!
  10. Non fumo più dal 15 agosto di quest’anno. Appena ho capito che c’era qualcosa che non andava ho smesso all’istante. Ci pensavo spesso,ma dopo 13 anni non è facile smettere. E invece è stato un botto. Tac! Il giorno prima fino a 10 sigarette al giorno. Il giorno dopo zero.
  11. Il mio genere preferito ,sia di film che di libri,è il thriller. Gialli,noir,polizieschi..tutti ok x me..!

      Bene,dopo averci messo qualche giorno per pubblicare questo articolo,nomino a mia volta i miei prescelti.. 🙂 E sono: 

        Grazie,e scusate se mi dilungo sempre troppo..! ^_^”

        Buon pranzo della domenica! 🙂